L’ammorbidente per bucato è un prodotto molto comune nelle nostre case, usato frequentemente nelle operazioni di lavaggio in lavatrice. Ma cos’è esattamente l’ammorbidente e che effetto ha sui nostri vestiti?

Bottiglia di ammorbidente

L’ammorbidente è una sostanza che si aggiunge all’acqua di risciacquo durante il lavaggio in lavatrice per rendere il bucato più morbido al tatto, più profumato e per ridurre l’accumulo di cariche elettrostatiche, ovvero quel fenomeno che fa “attaccare” i tessuti sintetici l’uno all’altro. Inoltre, l’ammorbidente protegge i tessuti, riducendo l’usura e l’abrasione durante il lavaggio e l’asciugatura.

La nascita dell’ammorbidente può essere datata attorno agli anni ’60 del XX secolo. Fu durante questo periodo che le famiglie iniziarono a lavare i capi in lavatrice, sottoponendo i vestiti a un processo di lavaggio molto più energico rispetto a quello a mano. Questo lavaggio intensivo poteva danneggiare i capi, rendendoli più rigidi. Oggi, in realtà, anche se la maggior parte delle volte l’ammorbidente viene usato in lavatrice, si può usare anche nel lavaggio a mano, ma ci vuole una certa attenzione.

Il principale ingrediente attivo degli ammorbidenti sono i composti cationici, che hanno la proprietà di ‘aderire’ ai tessuti durante il risciacquo in lavatrice, depositandosi sulla superficie delle fibre. Una volta asciutti, questi composti creano una sorta di film sottile che rende le fibre più morbide al tatto e aiuta a ridurre l’accumulo di cariche elettrostatiche dopo i lavaggi.

Ma come agiscono effettivamente sul bucato? Durante il risciacquo in lavatrice si distribuiscono uniformemente sui capi, aderendo alle fibre. Questo strato protettivo riduce l’attrito tra le fibre, rendendo i capi più morbidi al tatto. Inoltre, l’ammorbidente aiuta a “distendere” le fibre, migliorando l’aspetto dei capi e rendendo le pieghe e le grinze meno evidenti. Infine, aiutano a ridurre l’accumulo di cariche elettrostatiche, che può fare attaccare i capi tra loro o attirare polvere e sporco.

Tipi e formati di ammorbidente

Nella cura dei tessuti, gli ammorbidenti occupano un ruolo fondamentale. Grazie alla loro capacità di rendere i capi morbidi e profumati, si sono affermati come prodotti indispensabili per la nostra biancheria. Ma non tutti quelli disponibili sul mercato sono uguali, quindi come possiamo scegliere quello giusto per noi?

Ammorbidente liquido

L’ammorbidente liquido è forse il più noto e diffuso. È una miscela di composti cationici, profumi e acqua che si aggiunge al vano apposito della lavatrice durante l’ultimo risciacquo, permettendo di distribuirsi uniformemente sui capi.

Pro: è facilmente reperibile e di solito economico. Permette inoltre un’ampia varietà di dosaggi, in base alla quantità di bucato e al livello di morbidezza desiderato.

Contro: richiede un dosaggio attento per evitare l’uso eccessivo e il conseguente deposito di residui sui capi. Inoltre, le bottiglie voluminose possono essere scomode e ingombranti.

Ammorbidente concentrato

L’ammorbidente liquido concentrato è una versione più potente del classico ammorbidente liquido. Contiene una percentuale maggiore di composti attivi e meno acqua, il che significa che ne occorre una quantità minore per ottenere lo stesso effetto. Di norma, gli ammorbidenti professionali sono di questo tipo.

Pro: offre un ottimo rapporto qualità-prezzo, poiché una bottiglia dura più a lungo. Inoltre, le confezioni più piccole occupano meno spazio e riducono l’impatto ambientale.

Contro: il costo iniziale può essere più alto. Inoltre, se non diluito correttamente, può lasciare residui sui capi.

Ammorbidente in pods 

Un ammorbidente lavatrice in pods consiste in capsule monouso che contengono una dose pre-misurata di ammorbidente. Si inseriscono direttamente nel tamburo della lavatrice all’inizio del lavaggio del bucato.

Pro: offrono la massima comodità, eliminando la necessità di misurare o versare. Inoltre, il dosaggio preciso riduce il rischio di usare troppo prodotto.

Contro: il costo per lavaggio può essere superiore rispetto ad altre forme di ammorbidenti. Inoltre, non permettono di regolare la quantità di prodotto in base al carico di bucato.

Ammorbidente in sfere

Gli ammorbidenti in sfere sono dispositivi riutilizzabili che rilasciano ammorbidente durante il lavaggio. Si inseriscono nel tamburo della lavatrice all’inizio del ciclo.

Pro: sono economici a lungo termine, poiché possono essere riempiti e riutilizzati molte volte. Inoltre, permettono di controllare la quantità di ammorbidente utilizzato.

Contro: le sfere possono essere meno efficaci di altri tipi di ammorbidenti. Inoltre, riempirle può essere un’operazione laboriosa.

Ammorbidente in fogli

Gli ammorbidenti in fogli sono strisce di materiale non tessuto impregnate di ammorbidente. Si usano principalmente nell’asciugatrice, inserendole nel tamburo insieme ai capi bagnati.

Pro: oltre ad ammorbidire, riducono l’elettricità statica e possono aiutare a prevenire le grinze. Inoltre, sono molto facili da usare.

Contro: sono meno versatili degli ammorbidenti liquidi, poiché non possono essere usati nella lavatrice. Inoltre, possono lasciare macchie di grasso sui capi se l’asciugatrice è impostata su un calore troppo elevato.

Utilizzo dell’ammorbidente

È difficile resistere alla tentazione di avere un bucato profumato e soffice al tocco una volta uscito dalla lavatrice. Ecco perché gli ammorbidenti sono un prodotto popolare nelle nostre case. Tuttavia, come per molte cose nella vita, la moderazione è la chiave. Ma perché dovremmo usare l’ammorbidente con parsimonia? E cosa cambia se scegliamo un ammorbidente ecologico?

L’uso eccessivo di ammorbidenti può comportare vari problemi. Innanzitutto, può lasciare un residuo sui capi che li rende meno assorbenti. Questo è particolarmente problematico per gli asciugamani, che perdono la loro principale funzione. Inoltre, gli ammorbidenti contengono sostanze chimiche che possono irritare la pelle, specialmente se sensibile o allergica. Un uso eccessivo di questi prodotti sul bucato può pertanto aumentare il rischio di irritazioni cutanee.

Un altro aspetto da considerare è l’impatto ambientale. Gli ammorbidenti contengono tensioattivi, profumi e coloranti che, una volta scaricati nell’ambiente, possono essere difficili da eliminare nei trattamenti delle acque reflue, accumulandosi così nei corpi idrici e causando potenziali danni alla fauna acquatica.

Ammorbidente eco friendly

Questi prodotti cercano di affrontare alcuni dei problemi associati ai tipi tradizionali. Ma in che modo si differenziano dagli altri?

Si tratta di prodotti formulati con ingredienti di origine vegetale e biodegradabili, in modo da minimizzare l’impatto ambientale. Spesso non contengono coloranti o profumi sintetici, che sono tra i principali colpevoli delle reazioni allergiche. Invece, utilizzano oli essenziali e, spesso, acido citrico. Alcuni ammorbidenti ecologici possono anche contenere enzimi per aiutare a eliminare le macchie, rendendo i capi puliti senza l’uso di sostanze chimiche aggressive.

Un ulteriore vantaggio degli ammorbidenti ecologici è che spesso vengono venduti in confezioni riciclate o riciclabili, contribuendo a ridurre la produzione di rifiuti plastici. Alcuni brand offrono anche ricariche, che consentono di riutilizzare la stessa bottiglia più volte.

Tuttavia, non tutto è perfetto nel mondo degli ammorbidenti ecologici. Essi tendono a essere più costosi dei loro omologhi tradizionali, il che può scoraggiare alcuni consumatori. Inoltre, mentre gli ingredienti naturali sono generalmente meno irritanti, possono comunque causare reazioni allergiche in persone sensibili.

Per che tipi di tessuto va usato l’ammorbidente?

L’ammorbidente può regalare un bucato morbido e profumato. Ma come per ogni prodotto di cura dei tessuti, non tutte le fibre tessili ne beneficiano allo stesso modo.

L’ammorbidente è particolarmente utile per i capi in cotone o lana, poiché aiuta a ridurre l’attrito durante il lavaggio, evitando l’usura dei fili e mantenendo i capi morbidi al tatto. È anche efficace su tessuti sintetici come il poliestere, riducendo l’accumulo di elettricità statica che può causare l’adesione dei capi al corpo o tra loro. Inoltre, gli ammorbidenti aiutano a preservare i colori vivaci, rendendoli ideali per i capi colorati o stampati.

D’altro canto, questo tipo di prodotto è sconsigliato per alcuni tessuti e capi specifici. Per esempio, non dovrebbe essere utilizzato su indumenti sportivi o da palestra in materiale tecnico, poiché può ridurre la capacità di assorbire il sudore.

Anche gli asciugamani non dovrebbero essere trattati con ammorbidente, poiché il residuo che lascia può compromettere la loro capacità di assorbimento dell’acqua. Infine, l’ammorbidente non è adatto per la biancheria intima o qualsiasi altro capo in contatto con parti delicate del corpo, come la pelle dei neonati, poiché gli ingredienti possono causare irritazione.

La quantità di ammorbidente necessaria può variare in base al tipo di tessuto. Tessuti più spessi e pesanti, come il denim o la lana, possono richiedere una quantità maggiore di ammorbidente per ottenere la morbidezza desiderata. Al contrario, i tessuti più leggeri e delicati, come il cotone leggero o la seta, richiedono meno ammorbidente per evitare il deposito di residui che potrebbero alterarne la sensazione al tatto e l’aspetto.

Inoltre, la durezza dell’acqua può influenzare la quantità di ammorbidente necessaria. Le acque dure contengono alti livelli di minerali come calcio e magnesio, che possono rendere i tessuti più rigidi dopo il lavaggio. In questo caso, può essere necessario utilizzare una quantità maggiore di ammorbidente per neutralizzare gli effetti dell’acqua dura. Tuttavia, è sempre importante seguire le istruzioni del produttore per il dosaggio, poiché un uso eccessivo può causare l’accumulo di residui sui capi.

Guida alla scelta dell’ammorbidente: criteri generali e personali

Quando si tratta di lavare i vestiti, l’ammorbidente gioca un ruolo fondamentale. Tuttavia, scegliere il prodotto giusto può sembrare un compito complicato, vista l’ampia varietà di opzioni disponibili sul mercato. In questo articolo, esploreremo i criteri sia generali che personali da tenere in considerazione quando si sceglie l’ammorbidente.

1. Ingredienti

La composizione di un ammorbidente è uno dei fattori chiave da considerare. Alcuni ammorbidenti contengono ingredienti chimici che potrebbero essere irritanti per la pelle, in particolare per chi ha una pelle sensibile o è incline alle allergie. Optare per ammorbidenti privi di coloranti e profumi artificiali o scegliere ammorbidenti ecologici, che contengono ingredienti di origine vegetale e biodegradabili, può essere una scelta migliore per la salute della pelle e l’ambiente.

2. Effetto sul tessuto

Diversi tessuti richiedono diversi tipi di cure. Alcuni ammorbidenti possono essere troppo pesanti per tessuti delicati come la seta o il rayon, mentre altri possono non essere sufficientemente efficaci su tessuti più pesanti come il denim. Leggi attentamente le etichette dei prodotti per capire quale ammorbidente è più adatto ai tuoi capi.

3. Profumo 

Uno degli aspetti più personali nella scelta di un ammorbidente è il profumo. Alcune persone preferiscono un profumo forte e duraturo, mentre altre potrebbero preferire un aroma più delicato. Ancora, alcune persone potrebbero preferire un ammorbidente senza profumo, specialmente se hanno la pelle sensibile o allergie. In sintesi, non esiste il miglior ammorbidente profumato in assoluto.

4. Prezzo

Il costo è un altro criterio importante da considerare. Gli ammorbidenti variano molto nel prezzo a seconda del marchio, della formulazione, del volume e anche a seconda di dove si acquista. Mentre gli ammorbidenti più costosi possono offrire benefici aggiuntivi come ingredienti naturali o fragranze di alta qualità, è importante assicurarsi che l’ammorbidente scelto offra un buon rapporto qualità-prezzo.

5. Considerazioni ambientali

Se ti preoccupi dell’ambiente, vorrai considerare l’impatto del tuo ammorbidente. Molti ammorbidenti tradizionali contengono ingredienti che possono essere dannosi per l’ambiente. Optare per un ammorbidente ecologico o biodegradabile può aiutare a ridurre il tuo impatto ambientale.

6. Preferenze personali

Infine, ci sono le tue preferenze personali. Questi fattori possono includere la facilità d’uso in lavatrice (preferisci un liquido, una sfera o un foglio?), l’imballaggio (preferisci un flacone ricaricabile o usa e getta?), e persino il design del prodotto o la reputazione del marchio.

Creare un ammorbidente fai-da-te: una soluzione eco-friendly per la lavatrice

In un’epoca in cui la sostenibilità è di primaria importanza, molte persone stanno cercando di ridurre il proprio impatto ambientale. Una delle aree in cui si può fare la differenza è nel nostro bucato, in particolare nella scelta dell’ammorbidente. Invece di acquistare prodotti commerciali, perché non provare a creare il tuo ammorbidente fatto in casa? Non solo è una scelta ecologica, ma può anche essere personalizzata per soddisfare le tue preferenze in termini di profumo e consistenza.

Ecco come farlo: 

Ingredienti:

  • 6 tazze di aceto bianco
  • 1 tazza di bicarbonato di sodio
  • 8 tazze di acqua
  • Olio essenziale (opzionale, per il profumo)

Procedimento:

In un grande secchio o recipiente, mescola l’aceto e l’acqua.

Lentamente, aggiungi il bicarbonato di sodio. Attenzione, perché la combinazione di aceto e bicarbonato di sodio produce una reazione effervescente.

Una volta che la miscela si è calmata, aggiungi alcune gocce del tuo olio essenziale preferito, se desideri un profumo.

Conserva l’ammorbidente in un contenitore con un coperchio ermetico. Puoi utilizzare una vecchia bottiglia di ammorbidente o un barattolo di vetro grande.

Per utilizzarlo, aggiungi semplicemente mezza tazza circa dell’ammorbidente fai-da-te al tuo bucato durante il ciclo di risciacquo.

Insomma, fare il proprio ammorbidente a casa è un modo semplice ed ecologico per mantenere i vestiti morbidi e profumati. È un’opzione sostenibile che ti consente di ridurre l’impatto ambientale e personalizzare il prodotto secondo le tue preferenze. Prova e scoprirai che non è solo facile da realizzare, ma può anche portare una nuova dimensione di soddisfazione al tuo regime di lavaggio.

Federica Maccari

Federica scrive per Toptencasa.it ed è una professionista con esperienza pluriennale nei settori Casa, Lifestyle e Design. Ama le belle storie raccontate bene e sogna di avere giornate da 30 ore per potersi dedicare a tutte le sue passioni, tra cui le principali sono leggere, scrivere e disegnare.

Potrebbero interessarti anche: