Contro caldo e afa, cosa è meglio scegliere tra deumidificatore o condizionatore? Quali sono le caratteristiche e i vantaggi di uno rispetto all’altro? Vediamo in cosa si differenziano e quali sono i pro e i contro delle due tipologie per capire con chiarezza quando e perché acquistare l’uno o l’altro.

 

Deumidificatori e condizionatori sono le soluzioni più efficaci e diffuse per combattere il caldo estivo, ma spesso si tende a confondere i due apparecchi non avendo ben chiaro come funzionano. Entrambi nascono per dare sollievo dalle alte temperature, ma risolvono il problema in maniera diversa.

Prima di acquistare uno o l’altro è bene sapere esattamente cosa fanno e come operano, quali benefici portano e quali sono i rispettivi pro e contro, per riuscire così a fare una scelta ponderata e più corretta. In questa guida troverete tutte le informazioni necessarie per poter individuare il tipo di apparecchio più adatto alle vostre esigenze.

 

deumidificatoreIl deumidificatore

Il vantaggio primario del deumidificatore è quello di alleviare la sensazione di calore ma senza il fastidioso getto d’aria tipico del condizionatore.

La sensazione di caldo dipende non solo dalle temperature elevate, ma anche dal tasso di umidità dell’aria. Un livello accettabile per il nostro corpo è tra il 40 e il 60%, ma, ahimé, in alcuni periodi dell’anno le città italiane raggiungono anche l’80% di umidità nell’aria. Ecco perché il nostro corpo fa così fatica a mantenere un equilibrio termico.

Il deumidificatore serve proprio per eliminare il vapore acqueo e “asciugare” l’aria, ripristinando un ambiente secco più favorevole. Non raffredda la stanza in cui si trova e non emette aria fresca, ma, abbassando il tasso di umidità, contribuisce a rendere l’aria meno soffocante.

Inoltre, questo elettrodomestico si rivela molto utile anche nelle stagioni più fredde, per contrastare l’insorgere di muffe e batteri. Per scantinati e taverne sono un’ottima soluzione per avere un’aria meno opprimente.

Generalmente i deumidificatori sono dispositivi abbastanza compatti, i più acquistati sono i deumidificatori portatili in quanto più leggeri e facili da spostare da una stanza all’altra a seconda delle necessità.

 

condizionatoreIl condizionatore

A differenza del deumidificatore, il condizionatore genera un flusso di aria fredda (o calda), che dà sollievo immediato dal caldo.

Il beneficio principale, dunque, è che i tempi di attesa per avere una temperatura più gradevole si riducono molto.

Sul mercato esistono dei modelli di condizionatore dotati anche di funzione deumidificazione, sia tra gli impianti fissi che tra i climatizzatori portatili e sono una pratica alternativa per sfruttare i vantaggi di entrambe le opzioni.

L’emissione di aria fredda comporta un consumo energetico maggiore, e bisognerà quindi mettere in conto costi maggiori. Inoltre, l’esposizione prolungata al getto di aria fredda può causare problemi di salute: raffreddori e problemi articolari sono sempre in agguato per chi non utilizza il dispositivo con moderazione.

 

Vantaggi e svantaggi

Facciamo un breve riepilogo dei principali pro e contro dei due apparecchi.

Il deumidificatore:

  • consuma di meno;
  • non abbassa la temperatura ma toglie l’umidità;
  • non è dannoso per la salute;
  • impiega più tempo per generare effetti benefici.

Il condizionatore:

  • consuma di più;
  • emette aria fredda con effetto immediato;
  • abbassa la temperatura anche di diversi gradi;
  • la lunga esposizione può causare raffreddori e problemi articolari.

 

Deumidificatore o condizionatore: quale scegliere?

Dopo questa panoramica, dovrebbe essere chiaro che, pur avendo lo stesso scopo, hanno principi di funzionamento differenti. Non ce n’è uno migliore dell’altro in assoluto: la scelta dipende dalle proprie esigenze e dall’uso che se ne andrà a fare.

Se il problema principale è l’umidità dell’ambiente in cui vivete, allora un deumidificatore è la soluzione ideale: consuma meno e può essere utilizzato nell’arco di tutto l’anno, senza il rischio di malanni e raffreddori.

Se invece cercate un dispositivo in grado di rinfrescare in poco tempo la stanza in cui viene collocato, meglio optare per un condizionatore. Alcuni modelli sono dotati anche della funzione riscaldamento e, all’occorrenza, possono essere usati anche in inverno.

Potrebbero interessarti anche: