Asciugare il bucato in tempi rapidi a volte è una necessità e per velocizzare il processo di asciugatura ci sono due soluzioni tra cui scegliere: lavasciuga o asciugatrice? Vediamo quali sono le differenze principali tra le due, i vantaggi e quando conviene scegliere la prima o la seconda.

 

Per chi vive in città e vuole evitare che il bucato appena lavato si impregni di smog, o per chi abita in luoghi particolarmente freddi e umidi, lavasciuga e asciugatrici sono elettrodomestici a cui non si può rinunciare.

Il vantaggio di questi apparecchi è che consentono di accorciare notevolmente i tempi di asciugatura del bucato (da mezz’ora a due ore circa), risolvendo anche eventuali problemi di spazio per stendere. Ma quale scegliere?

Meglio un apparecchio che svolga una funzione specifica (asciugatrice) o uno multifunzione 2 in 1 che sia in grado di lavare e asciugare (lavasciuga)? Nella guida che segue vedremo quali sono le principali differenze tra i due elettrodomestici, dandovi tutte le informazioni necessarie ad individuare il modello più adatto alle vostre esigenze.

 

asciugatriceAsciugatrice

Con un design molto simile a quello della lavatrice, l’asciugatrice ha il compito di asciugare gli indumenti attraverso l’immissione di aria calda nel cestello.

L’aria calda può essere generata in due modi: tramite pompa di calore o per mezzo di una resistenza elettrica. I modelli a resistenza elettrica (anche detti a condensazione) sono più economici ma consumano di più, mentre quelli a pompa di calore, più moderni, sono più costosi ma garantiscono un notevole risparmio energetico sul lungo periodo.

Si tratta dunque di un elettrodomestico da affiancare alla lavatrice e comporta un ingombro notevole.

Le asciugatrici migliori permettono di programmare i tempi di funzionamento in base alle proprie necessità e di scegliere il tipo di asciugatura desiderato. Per esempio, per facilitare la stiratura, è possibile lasciare i capi leggermente umidi.

 

lavasciuga

Lavasciuga

In caso di problemi di spazio, la lavasciuga è la soluzione ai vostri problemi.

Come suggerisce il nome stesso, la lavasciuga lava e asciuga, unendo le funzioni di lavatrice e asciugatrice in un unico apparecchio e comportando un ingombro molto inferiore rispetto ai due elettrodomestici separati.

Svolge esattamente le stesse funzioni di una normale lavatrice e di un’asciugatrice, ma di solito ha una capacità di carico minore. Controllate sempre questo aspetto, perché i modelli 2 in 1 presentano sempre differenze tra la capacità di carico in modalità lavatrice e quella in modalità asciugatrice.

Anche la lavasciuga permette di scegliere il livello di asciugatura e di impostare i tempi programmando gli orari.

 

Costi di manutenzione e consumi

Può venire spontaneo pensare che una lavasciuga sia la soluzione più conveniente in assoluto, ma non è sempre vero. Certo, acquistare un solo prodotto e non due è un bel vantaggio, ma tenete a mente che, svolgendo due funzioni diverse, l’elettrodomestico si usurerà due volte più rapidamente. La lavasciuga andrà dunque sostituita in tempi più brevi, e al momento della rottura resterete sia senza lavatrice che senza asciugatrice.

In fatto di consumi, la lavasciuga tende ad essere più dispendiosa, ma dipende dalla classe energetica del singolo modello, quindi consultate sempre le informazioni presenti sull’etichetta. In generale le asciugatrici a pompa di calore sono la soluzione migliore in fatto di risparmio energetico. Costano di più, ma permettono di ammortizzare sul lungo periodo. Come per molte altre cose: meglio spendere qualcosa in più prima per poter risparmiare dopo.

 

Lavasciuga o asciugatrice: quale scegliere?

Come abbiamo visto, non esiste una risposta univoca. La lavasciuga è senza dubbio la scelta ideale per chi ha problemi di spazio: un apparecchio 2 in 1 è molto meno ingombrante di due separati.

Se invece le dimensioni non sono un problema e il budget lo consente, meglio optare per una asciugatrice a pompa di calore. La maggiore capacità di carico può soddisfare le esigenze delle famiglie più numerose, e i consumi minori faranno la felicità di chi paga le bollette a fine mese.

Potrebbero interessarti anche: