Per trovare tutti gli elementi nascosti dietro a una parete ed evitare di colpire tubi o cavi, ecco quali sono i migliori rilevatori di tubi e cavi elettrici più affidabili per lavori professionali e casalinghi.

 

I rilevatori di tubi e cavi elettrici o scanner per pareti, sono strumenti utilizzati non solo dai professionisti, come idraulici, elettricisti, manutentori ed installatori nei lavori di ristrutturazione o ripristino dei vecchi impianti, ma anche da privati, per riparazioni e piccole installazioni domestiche in casa.

Che si tratti di appendere un quadro, una mensola, installare un condizionatore o la TV al muro, è importante sapere cosa si trovi all’interno della superficie che si deve forare, per evitare di bucare inavvertitamente un tubo dell’acqua o un cavo elettrico.

Tramite la tecnologia a ultrasuoni, i rilevatori di tubi e cavi elettrici permettono di rilevare gli oggetti che si trovano all’interno di una parete, di un soffitto o di un pavimento.

Questi strumenti infatti permettono di scansionare e rilevare correnti metalliche, travi, tubi e cavi con corrente, permettendo così di lavorare in sicurezza.

I rilevatori sono particolarmente utili anche nei casi di rimozione di impianti non più a norma, permettendo di tracciare le vecchie canaline murate per utilizzarle per il passaggio dei nuovi fili conformi, anche in assenza dei progetti originali dell’abitazione.

 

I migliori rilevatori di tubi e cavi elettrici da acquistare

Di seguito ecco la guida alla scelta dei migliori prodotti, con le rispettive caratteristiche tecniche e prezzi dei migliori rilevatori di tubi e cavi elettrici.


#1

Bosch Professional D-tect 120

Bosch Professional D-tect 120

Prezzo 281,00 €

Il miglior rilevatore professionale
  • Rilevatore professionale di sottostrutture in legno, metalli, cavi elettrici, tubi
  • Rileva tubi PVC con acqua, cavi sotto tensione fino a 60 mm di profondità
  • Rileva metalli magnetici e non fino a 120 mm di profondità
  • Tecnologia radar con brevetto Bosch
  • 3 impostazioni di rilevamento: cartongesso, calcestruzzo, modalità universale
  • Funzione Center Finder
  • 3 tipi di alimentazione: batteria al litio da 12V, pile AAA, adattatore
  • Visualizzazione spot
  • LED di avviso per la segnalazione verde-giallo-rosso


#2

Seesii MS6818

Seesii MS6818

Prezzo 149,99 €

  • Localizzatore multifunzione con ricevitore e trasmettitore
  • Rilevamento di tubi, cavi elettrici, canalizzazioni, interruzioni e cortocircuiti
  • Funzione Voltmetro AC/DC con trasmettitore per misurazione tensione alternativa/continua da 12V a 400V su base lineare
  • Peso ricevitore: 263 g
  • Peso trasmettitore: 370 g
  • Dimensioni: 29 x 20 x 9 cm
  • Sensibilità regolabile manualmente o automaticamente
  • Alimentazione trasmettitore: 6 x 1,5 V AAA
  • Misura della profondità del cavo: Ricevitore 0-2,5 m (cavo a parete/sotterraneo)


#3

Bosch Professional GMS 120

Bosch Professional GMS 120

Prezzo 92,89 €

La miglior soluzione professionale qualità prezzo
  • Scanner per pareti con alimentazione a batteria
  • Profondità di rilevamento max: 38 mm per legno, 120 mm per metallo magnetico, 80 mm per metallo non magnetic, 50 mm per cavi elettrici sotto tensione
  • 3 impostazioni di rilevamento: metallo, cavi elettrici sotto tensione, cartongesso
  • Foro di marcatura per segnare sulla parete i risultati del rilevamento
  • Funzione Center Finder
  • Calibrazione automatica
  • Display retroilluminato
  • Spegnimento automatico dopo 5 minuti
  • LED di avviso per la segnalazione


#4

Bosch Professional GMS 100 M

Bosch Professional GMS 100 M

Prezzo 83,30 €

  • Materiali rilevabili: metalli ferrosi e non, cavi sotto tensione
  • Funzione Detection Depth Power
  • Profondità di rilevamento acciaio, max.: 100 mm
  • Profondità di rilevamento rame, max.: 80 mm
  • Profondità di rilevamento max: 100 mm
  • Protezione: IP54
  • Scala zoom automatica
  • Calibrazione automatica
  • Alimentazione: pile alcaline


#5

Bosch Truvo

Bosch Truvo

Prezzo 50,00 €

Il miglior rilevatore per uso domestico
  • Rilevatore da parete multifunzionale
  • Materiali rilevabili: metalli ferrosi e non, cavi sotto tensione
  • Calibrazione automatica
  • Semplice da usare, presenta un solo tasto
  • Modalità di avviso: LED e segnale acustico
  • Profondità rilevamento metalli ferrosi: 70 mm
  • Profondità di rilevamento cavi sotto tensione: max. 50 mm
  • Profondità di rilevamento metalli non ferrosi: max. 60 mm
  • Spegnimento automatico dopo 10 minuti
  • Intagli di demarcazione in alto e sui lati
  • Alimentazione: 3 batterie AAA


#6

Tacklife DMS05

Tacklife DMS05

Prezzo 35,99 €

  • Rilevatore multifunzionale di metallo e cavi elettrici
  • Materiali rilevati: legno, bulloni metallici, tensione cavi CA
  • 4 modalità di rilevamento: legno, metallo, cavi non schermati, umidità del legno e materiali da costruzione
  • Profondità rilevamento legno: 20 – 38 mm
  • Profondità rilevamento metallo ferroso: 120 mm
  • Profondità rilevamento conduttori rame: 50 mm
  • Profondità rilevamento metallo non ferroso: 80 mm
  • Funzione rilevamento centro dell’oggetto
  • Modalità avviso: LED e segnale acustico
  • Display LCD retroilluminato di facile lettura


#7

Meterk MK55

Meterk MK55

Prezzo 29,99 €

  • Rilevatore multifunzione 4 in 1
  • 4 Modalità di rilevamento: legno, metalli ferrosi e non, conduttori rame, umidità del legno e materiali da costruzione
  • 5 Profondità di scansione: 20 mm per modalità esadecimale, 38 mm per modalità deep stud, 50 mm per conduttori in rame (in diretta), 50 mm per metalli non ferrosi, 60 mm per metalli ferrosi
  • Modalità di avviso: segnale acustico e visualizzazione su display
  • Impostazione di silenziamento
  • Display LCD retroilluminato
  • Funzione di rilevamento centro dell’oggetto
  • Alimentazione: batterie AAA


#8

Lomvum LW10

Lomvum LW10

Prezzo 26,99 €

  • Rilevatore tubi e cavi elettrici multifunzione
  • Rilevamento di metalli magnetici / non magnetici, metalli ferrosi / non ferrosi, chiodi metallici, tubi in acciaio / rame, fili in tensione, travi in ​​legno su pareti, soffitti e pavimenti
  • Profondità di rilevamento: metalli ferrosi fino a 120 mm; metalli non ferrosi (rame) fino a 100 mm; fili sotto tensione fino a 50 mm; legno nel muro fino a 20 mm
  • Spegnimento automatico dopo 5 minuti di inutilizzo
  • Calibrazione automatica e manuale
  • 3 Spie di rilevamento rosso-giallo-verde
  • Display LCD retroilluminato
  • Temperatura di lavoro: da -10°C fino a +50°C


#9

Tacklife DMS03

Tacklife DMS03

Prezzo 24,99 €

  • Rilevatore cavi elettrici e per il metallo
  • Modalità di avviso: LED tricolore e segnale acustico
  • 3 Modalità di scansione
  • 4 Profondità di rilevamento: fino a 80 mm per metalli ferrosi, fino a 60 mm per metalli non ferrosi, fino a 50 mm per cavi CA, fino a 20 mm per travi di legno
  • Calibrazione automatica
  • Schermo LCD retroilluminato
  • Spegnimento automatico dopo 5 minuti di inattività
  • Alimentazione: batteria da 9V
  • Temperatura di lavoro: da -10°C fino a +50°C


#10

INTEY Rilevatore Metalli

INTEY Rilevatore Metalli

Prezzo 15,99 €

Il miglior rilevatore economico
  • Rilevatore cavi elettrici e metalli a parete 3 in 1
  • 3 Modalità di rilevamento: metallo, stud, AC
  • 5 Dimensioni di rilevamento: fino a 76 mm per tondo per cemento armato o tubo metallico, fino a 51 mm per cavi elettrici AC, fino a 38 mm per studs
  • Calibrazione automatica
  • Spegnimento automatico dopo 3 minuti di inattività
  • Schermo LCD retroilluminato
  • Modalità di avviso: segnale acustico e visualizzazione su display
  • Peso: 181 g
  • Dimensioni: 16,5 x 8,5 x 4,5 cm
  • Alimentazione: batteria da 9V

Come scegliere un rilevatore di tubi e cavi elettrici

Per scegliere quale rilevatore di tubi e cavi elettrici sia il migliore per le proprie esigenze, è prima di tutto necessario avere ben chiaro cosa si sta cercando. Non tutti gli scanner da parete infatti sono in grado di individuare ogni tipo di materiale, e in linea generale si può affermare che più materiali il dispositivo sarà in grado di rilevare, più esso sarà costoso.

Le differenze principali tra i vari modelli riguardano anche le loro funzioni: i rilevatori professionali avranno maggiori funzioni e saranno più versatili, mentre quelli per uso hobbistico saranno più semplici da usare, più economici ma anche meno precisi.

Le differenze però riguardano anche il prezzo, la qualità costruttiva e soprattutto la precisione nella rilevazione.

I rilevatori sono costituiti da un involucro di plastica con un sistema di protezione, solitamente in gomma antiscivolo per garantire la presa, da dei sensori situati nella parte superiore o nella parte centrale del dispositivo, ed eventualmente da un display LCD retroilluminato.

 

Materiali da rilevare

Solitamente i rilevatori sono utilizzati per individuare diversi oggetti che potrebbero trovarsi all’interno di un muro, di un soffitto o di un pavimento.

Tra gli oggetti che i rilevatori sono in grado di individuare vi sono:

  • Cavi elettrici
  • Cavi di tensione trifase come quelli delle cucine elettriche
  • Cavi a bassa tensione come quelli dei cavi dei campanelli e i cavi telefonici
  • Tubi, barre e travi metalliche di qualunque tipo, sia ferrose che non ferrose (acciaio, alluminio o rame)
  • Acciaio rinforzato
  • Travi in legno
  • Spazi vuoti
  • Impianti e tubature di plastica

 

Sensori

Quasi tutti gli scanner da parete presentano diverse modalità di rilevamento preimpostate, tra cui la ricerca di travi, metalli, cavi con corrente elettrica.

Spostandosi in una fascia di prezzo più alta, si possono trovare modelli che identificano anche metalli non ferrosi ed oggetti in plastica, inoltre alcuni modelli più avanzati permettono di fare rilevazioni per pavimenti radianti, muratura leggera, cemento e mattoni cavi.

Il rilevamento viene fatta tramite appositi sensori che identificano il materiale dell’oggetto, la posizione e altre informazioni.

Esistono principalmente 4 tipologie di sensori, a seconda del materiale che sono in grado di rilevare:

  • sensori capacitivi per il rilevamento di travi in metallo e legno
  • sensori di 50/60 Hz per il rilevamento di cavi sotto tensione (questi sensori non rilevano cavi neutri, collegamenti di messa a terra o cavi telefonici)
  • sensori induttivi per il rilevamento di metalli ferrosi e non ferrosi
  • sensori a radar per il rilevamento di tutti i materiali indicandone anche la profondità alla quale si trovano

Alcuni rilevatori presentano anche una modalità universale per il rilevamento di oggetti di cui non è noto il materiale.

Solitamente un rilevatore in grado di individuare cavi, metalli, legno e plastica sarà molto più costoso rispetto ad un rilevatore tradizionale utile solo per l’individuazione del legno, del metallo e dei cavi di corrente elettrica attivi.

 

Tipo di costruzione da analizzare

I rilevatori di tubi e cavi elettrici possono essere utilizzati su superfici in mattoni, calcestruzzo aerato, pietra pomice e arenaria calcarea, calcestruzzo armato o disarmato, costruzioni leggere come partizioni, superfici intonacate, piastrelle, carta da parati, parquet e tappeti, legno, drywall, ovvero piastre in acciaio laminato.

A seconda quindi del tipo di materiale su cui dovete lavorare, assicuratevi che il modello di rilevatore scelto sia in grado di scansionarlo e con quale grado di affidabilità.

 

Modalità di rilevamento

Spesso tra le funzionalità presenti sui rilevatori si può impostare una modalità di rilevamento specifica, a seconda del materiale della superficie che si vuole analizzare; dai muri di mattone alle pareti in cartongesso.

Nel caso in cui non si fosse sicuri del materiale, si può comunque impostare la modalità universale di default, adatta a tutti i tipi di muratura e capace di rilevare cavi, metalli, legno e plastica.

 

Modalità di calibrazione

Tramite la calibrazione, il rilevatore di tubi e cavi elettrici è in grado di misurare lo spessore della parete e la superficie da analizzare, tenendo conto anche di altri fattori, come la densità del materiale, l’umidità, la temperatura e l’accumulo di elettricità statica che può formarsi tenendo in mano il dispositivo stesso.

Diversi modelli offrono un sistema di calibrazione automatica che li rende ottimi strumenti per definire misurazioni ed eseguire fori su pavimenti riscaldati, soffitti con travi in legno e pareti strette.

In alcuni modelli però è possibile anche effettuare una calibrazione manuale, per risolvere eventuali problemi riscontrati dal dispositivo stesso. In questi casi, è sempre bene controllare il manuale di istruzioni per eseguire la procedura corretta per la calibrazione.

I rilevatori che presentano un sistema di calibrazione automatica permettono una maggior precisione nell’individuazione di oggetti, diminuendo la possibilità dei cosiddetti “falsi positivi”.

Può infatti capitare che uno scanner indichi oggetti inesistenti nel caso in cui venga utilizzato su superfici metalliche e aree bagnate, come ad esempio su un pavimento in cemento non ancora asciutto.

In questi casi si parla di “falsi positivi”, poiché il sensore del dispositivo entra in conflitto con il materiale di costruzione della superficie stessa e segnala la presenza di un oggetto che in realtà non è presente.

Le circostanze sfavorevoli che possono causare dei falsi positivi sono:

  • partizioni formate da diversi strati di materiale
  • tubi di plastica vuoti
  • travi di legno situate in cavità o in partizioni di costruzione leggera
  • dispositivi nelle vicinanze che emettono forti campi magnetici o elettromagnetici
  • l’indossare gioielli e dispositivi che potrebbero interferire con il rilevamento

Si parla di falsi positivi anche nel caso di pareti con molti fori al proprio interno, in questi casi sullo schermo dello scanner si vedranno segnalati molti oggetti. È possibile verificare la struttura della parete utilizzando un dispositivo in grado di rilevare gli spazi vuoti nei muri.

 

Schermo LCD retroilluminato

La maggior parte dei rilevatori sul mercato presenta uno schermo LCD dove è possibile leggere le informazioni inerenti i risultati del rilevamento, e accedere al menu, cambiare modalità, verificare lo stato della batteria.

L’integrazione dei display ha permesso una maggiore intuitività dei risultati ottenuti tramite i rilevamenti, permettendo di identificare meglio i materiali, identificando il tipo e lo spessore dell’oggetto rilevato, e nei modelli più avanzati riportando anche la profondità a cui si trova.

È consigliato scegliere un rilevatore con schermo LCD retroilluminato perché permette di lavorare anche in condizioni di scarsa visibilità, e con un’interfaccia semplice e intuitiva, per velocizzare il lavoro.

Spesso i modelli di rilevatori più avanzati presentano anche dei segnali di aiuto per la posizione del materiale, che permettono di capire in quale direzione è necessario spostare il dispositivo per effettuare il rilevamento e individuare gli oggetti.

 

Ergonomia e utilizzo

Un buon rilevatore deve presentare un design compatto ed ergonomico che permetta una presa comoda con una sola mano.

Per utilizzare questi dispositivi è infatti necessario appoggiarli sulla superficie da rilevare, e muoverli lentamente in linea retta, mantenendo un contatto stabile con la superficie, per almeno 10 cm. Per avere misurazioni ottimali si consiglia però di spostare lo scanner di circa 40 cm.

Se il dispositivo rileverà un oggetto, emetterà un segnale acustico, o farà accendere una luce, ed in alcuni modelli sullo schermo si potrà vedere la distanza approssimativa e la direzione in cui muovere il rilevatore per capire il posizionamento dell’oggetto rilevato.

È bene fare attenzione affinché lo spostamento del rilevatore sulla parete avvenga in maniera fluida, senza sollevare il dispositivo dalla superficie per evitare possibili letture errate da parte del dispositivo stesso.

È bene quindi considerare anche il peso del rilevatore, che generalmente non supera i 300 grammi, e la tipologia di impugnatura dello scanner da parete, prediligendo impugnature antiscivolo.

Solitamente il corpo del rilevatore è realizzato in gomma per ottimizzare le presa e rendere più confortevole l’impugnatura del dispositivo, permettendone un utilizzo prolungato.

 

Rilevamento del centro dell’oggetto

La maggior parte dei rilevatori ha tra le proprie funzioni l’individuazione dei bordi di oggetti come le travi; nel caso in cui sia necessario trovare il centro dell’oggetto, bisognerà prima trovare il bordo destro, poi il sinistro, e calcolare manualmente il centro.

Alcuni dei rilevatori di fascia alta però permettono anche di individuare il centro dell’oggetto stesso in maniera precisa, facendo risparmiare molto tempo.

 

Profondità di rilevamento

I rilevatori più avanzati mostrano anche i parametri di profondità di rilevamento massimo e di profondità massima alla quale si può forare in sicurezza.

Questi dati vengono visualizzati sul display, ed indicano la posizione esatta dell’oggetto all’interno del muro, misurandone la profondità rispetto alla superficie da dove è stato passato il rilevatore.

Solitamente le profondità di rilevamento che un dispositivo può misurare variano in base al materiale da rilevare.

Generalmente la profondità di rilevamento media per i diversi materiali è intorno a questi valori:

  • fino a 4 centimetri per il rilevamento di travi in metallo e legno
  • fino a 5 cm per il rilevamento di cavi sotto tensione (non vengono rilevati cavi neutri, collegamenti di messa a terra o cavi telefonici)
  • fino a 15 cm per il rilevamento di metalli ferrosi e non ferrosi

È comunque bene consultare le profondità di ogni singolo modello per ogni tipologia di materiale, per essere sicuri di trovare il miglior rilevatore tubi e cavi elettrici per le proprie esigenze.

 

Rilevamento dell’umidità

Alcuni modelli di rilevatori sono in grado di misurare anche l’umidità del legno e dei materiali da costruzione, così da poter valutare i risultati dei rilevamenti in maniera ottimale.

 

Modalità di avviso

Quasi tutti gli scanner da parete avvisano di aver individuato un oggetto tramite un segnale acustico la cui intensità varia a seconda della vicinanza all’oggetto.

Spesso il segnale acustico viene accoppiato anche ad un segnale visivo; la maggior parte dei rilevatori di tubi e cavi elettrici infatti presenta anche un LED che può assumere tre diversi colori a seconda del risultato del rilevamento.

Il LED sarà verde se non individua alcun oggetto, ed è dunque possibile forare senza alcun problema, giallo per indicare un oggetto in prossimità del dispositivo, e rosso quando individua un oggetto.

Spesso questi avvisi prevedono una dicitura specifica sul display, che può eventualmente avvertire della profondità dell’oggetto, se il modello di rilevatore può misurarlo.

 

Marche migliori

Di norma, è consigliato puntare su aziende note ed affidabili, non solo per avere la garanzia dei migliori prodotti certificati e con una buona qualità costruttiva, un manuale d’istruzioni ed eventualmente una custodia dove riporlo, ma anche per ricevere un’assistenza post vendita nel caso di problemi nell’utilizzo del dispositivo.

I marchi specializzati per quanto riguarda i rilevatori di tubi e cavi elettrici sono Bosch, Intey e Tacklife.


Ti è stata utile questa selezione? Votala per aiutarci a migliorarla

[Totale voti: 2 Media: 5]

Potrebbero interessarti anche: