Ecco quali sono le migliori asciugatrici da acquistare oggi, dai modelli di fascia alta alle economiche, per asciugare il bucato velocemente.

 

L’asciugatrice è un elettrodomestico indispensabile nelle regioni più fredde e umide, per chi vive in condomini senza balconi o per chi semplicemente preferisce asciugare il bucato piu rapidamente subito dopo il lavaggio.

Infatti, tra abiti, biancheria di bagno, cucina e della camera da letto, la quantità di panni da lavare aumenta in modo esponenziale. Anche perché nel corso degli ultimi cinquant’anni si è sviluppata una maggiore attenzione all’igiene e alla pulizia personale che spinge a dedicare più cura a tutta la casa incluse le tende, i copridivani e altri tessuti d’arredo.

Ma acquistare un’asciugatrice non è più una necessità solo nelle zone più fredde. Infatti stendere il bucato richiede spazio, e mentre possiamo tranquillamente affidarci a uno stendino sul balcone per qualche maglietta e la biancheria intima, stendere lenzuola e asciugamani diventa complicato.

Per non parlare dello stendino dentro casa o nel bagno che crea non poco disordine negli appartamenti di piccole dimensioni. Così affidarsi all’asciugatrice permette di poter lavare i panni quando servono, senza accumulare per giorni o settimane. Inoltre permette di ritrovarsi con il bucato asciutto e pulito, pronto da mettere nell’armadio.

Ma c’è un altro vantaggio di acquistare un’asciugatrice: stirare di meno. Infatti, con i programmi giusti, molti panni non necessitano del ferro da stiro, mentre altri richiedono una breve passata a temperature minime. Tutto questo si traduce in un ulteriore risparmio di tempo e di energia.

 

Le migliori asciugatrici 2022 da acquistare

 

#1

Bosch Serie 8 WTX87KH9IT

Bosch Serie 8 WTX87KH9IT

Prezzo 790,00 €

  • Asciugatrice 9 kg a carica frontale
  • Silenziosa Anti-Vibrazioni
  • Classe di efficienza energetica A++
  • Programma AllergyPlus per chi soffre di allergie
  • Programma Iron Assist per evitare di stirare
  • Cestello sensitive per capi più morbidi e curati
  • Cestello extra per asciugare lana, scarpe e oggetti morbidi
  • Sistema autodry con sensori
  • Sistema AutoClean per la pulizia automatica di condensatore e filtri
  • Tecnologia a pompa di calore: con gas ecologico R290
  • Dimensioni 59.9 x 59.8 x 84.2 cm

 

La migliore asciugatrice 9 kg è Bosch Serie 8 WTX87KH9IT, ideale per famiglie è un modello all’avanguardia con programmi specifici per allergie, lana e delicati, dotata anche di sensori di asciugatura automatica per un uso semplice e immediato. Il cestello extra consente di asciugare scarpe e altri oggetti senza centrifuga. L’asciugatrice Bosch Serie 8 WTX87KH9IT è molto pratica da usare grazie alla pulizia dei filtri automatica che fa risparmiare tempo e mantiene l’asciugatrice in ottime condizioni nel corso degli anni.


#2

Miele TSB 143 WP

Miele TSB 143 WP

Prezzo --

  • Asciugatrice libera installazione con pompa di calore
  • Massima efficienza di condensazione
  • Tecnologia ecodry a risparmio energetico
  • Carico Frontale
  • Capacità 7 kg
  • Funzione Perfect Dry
  • FragranceDos per capi morbidi e profumati
  • Trattamento Lana
  • Funzione stiro rapido
  • DirectSensor per un uso facile e intuitivo
  • Classe di efficienza energetica A++
  • Dimensioni 64.3 x 59.6 x 85 cm


#3

Bosch Serie 6 WQG233D0IT

Bosch Serie 6 WQG233D0IT

Prezzo 529,00 €

  • Asciugatrice a pompa di calore
  • Capacità 8 kg
  • Carica frontale
  • Classe di efficienza energetica A++
  • AutoDry per asciugatura perfetta di ogni tessuto
  • Condensatore autopulente
  • Ampio display LED multifunzione
  • Cestello Sensitive
  • Filtro EasyClean
  • Silenziosa e antivibrazioni 64 dB
  • Dimensioni 59.8 x 59.9 x 84.2 cm


#4

Electrolux PerfectCare 900

Electrolux PerfectCare 900

Prezzo --

  • Asciugatrice a pompa di calore
  • Capacità 8 kg
  • Carica frontale
  • Tecnologia CycloneCare System per asciugatura uniforme
  • DelicateCare System adegua il lavaggio ai capi delicati
  • App My Electrolux Care per la gestione da remoto
  • Serbatoio di raccolta e tubo di scarico
  • Classe di efficienza energetica A+++
  • Basso impatto ambientale
  • Rumorosità 64 dB
  • Dimensioni 63.8 x 59.6 x 85 cm

 

La migliore asciugatrice A+++ è la Electrolux PerfectCare 900, progettata per il risparmio energetico e il basso impatto ambientale, è un modello perfetto per chi tiene alla sostenibilità e alla riduzione dei consumi in bolletta. Può essere installata con tubo di scarico, oppure in qualunque stanza della casa grazie alla vaschetta di raccolta dell’acqua. Una speciale tecnologia ciclonica garantisce un’asciugatura uniforme dei tessuti grazie alla circolazione dell’aria calda all’interno del cestello che ottimizza tempi e risorse. In più, l’app dedicata monitora e gestisce l’asciugatrice da remoto aiutando a migliorare il risparmio di energia.


#5

AEG 8000 Series Absolutecare

AEG 8000 Series Absolutecare

Prezzo 599,99 €

  • Asciugatrice con pompa di calore
  • Carica frontale
  • Capacità 8 kg
  • Programmi adatti per ogni tessuto
  • Regola il ciclo di asciugatura in base al carico
  • Riduce consumo di acqua e energia
  • Cicli del 25% più rapidi rispetto al modello precedente
  • Programma lana certificato woolmark blue
  • Sensidry assorbe l’umidità con il 50% di temperatura in meno
  • Classe di efficienza energetica A+++
  • Rumorosità 65 dB
  • Dimensioni 59.6 x 66.3 x 85 cm


#6

LG RC80U2AV4Q

LG RC80U2AV4Q

Prezzo 563,47 €

  • Asciugatrice Smart con pompa di calore Dual Inverter
  • Tecnologia Eco Hybrid
  • Risparmia il 32% di energia
  • Capacità di carico 8 Kg
  • Classe di efficienza energetica A+++
  • Programma Allergy Care
  • Doppio filtro
  • Oblò reversibile
  • Dimensioni 60 x 69 x 85 cm
  • Rumorosità 62 dBA


#7

Samsung Crystal EcoDry

Samsung Crystal EcoDry

Prezzo 599,00 €

  • Asciugatrice con capacità di carico 9 kg
  • Display digitale
  • Funzione Ecodry a risparmio energetico
  • Filtro in rete a due strati
  • Optimal Dry con 3 sensori
  • Programma rapido 35 minuti
  • Funzione antipiega
  • Carica frontale
  • Oblò reversibile
  • Rumorosità 65 dB
  • Dimensioni 60 x 60 x 85 cm

 

La migliore asciugatrice qualità prezzo è Samsung Crystal EcoDry, che asciuga 9 kg di bucato in modo ottimale, grazie ai 3 sensori che individuano il peso, il grado di umidità e la temperatura dei tessuti. Con la speciale funzione antipiega i capi risultano morbidi e facili da stirare e in alcuni casi sarà possibile evitare del tutto il ferro da stiro. Per i capi misti o resistenti, ottima la funzione di asciugatura rapida che completa il ciclo in soli 35 minuti. Il filtro a 2 strati contribuisce a mantenere l’asciugatrice pulita ed efficiente trattenendo fibre, pelucchi e altri residui.


#8

Candy GrandÒ Vita

Candy GrandÒ Vita

Prezzo --

  • Asciugatrice Slim a condensazione
  • Pompa di calore
  • Capacità di carico 7 Kg
  • Carica Frontale
  • Sensori di peso
  • Programma Easy Iron
  • Connettività NFC
  • Classe di efficienza energetica A +
  • Rumorosità 67 dB
  • Dimensioni 60 x 46.5 x 85 cm

 

La migliore asciugatrice slim è Candy GrandÒ Vita, con una profondità di appena 46 cm, può essere sistemata in spazi ristretti come piccoli ripostigli o lavanderie. Ha una capacità di 7 kg, ma è dotata di sensori di peso che ottimizzano l’uso di energia quando viene riempita solo parzialmente. Tra i tanti programmi disponibili è compreso anche lo stiro facile che evita di spiegazzare troppo i capi e ridurre l’uso del ferro da stiro. La connettività NFC offre un monitoraggio a distanza tramite app e smartphone.


#9

Smeg DHT83LIT-1

Smeg DHT83LIT-1

Prezzo 511,98 €

  • Asciugatrice a libera installazione
  • Pompa di calore
  • Display digitale
  • Carica frontale
  • Capacità di carico 8kg
  • Classe di efficienza energetica A+++
  • Livello di rumore 65 dB
  • Oblò reversibile
  • Dimensioni 59.5 x 60.9 x 84.6 cm


#10

Beko DRY833CI

Beko DRY833CI

Prezzo 457,99 €

  • Asciugatrice a carica frontale
  • Display digitale
  • ProSmart Inverter
  • EcoGentle per risparmio energetico
  • Funzione Baby Protect
  • Cestello fluttuante per asciugatura delicata
  • Rumorosità 64 dB
  • Capacità 8kg
  • Classe di efficienza energetica A+++
  • Dimensioni 59.5 x 60.9 x 84.6 cm

 

La migliore asciugatrice economica è la Beko DRY833CI, con una capacità di carico di 8 kg, perfetta per una famiglia e con funzione baby protect assicura capi sicuri e privi di allergeni. Questa asciugatrice è ottima per i capi delicati grazie allo speciale cestello fluttuante che non schiaccia i tessuti verso i bordi come nelle normali centrifughe. Tra i suoi punti di forza troviamo la silenziosità, preziosa quando in casa ci sono dei bambini, infatti il livello di rumore massimo è di 64 dB, che scende notevolmente quando usiamo programmi delicati. Per quanto riguarda il consumo energetico ha una classe A+++ ed è dotata di programma specifico Ecologico.


Come scegliere una asciugatrice: tipologie e caratteristiche

Possiamo distinguere tra i vari modelli di asciugatrice in commercio in base alla tecnologia che sta alla base del loro funzionamento, alle dimensioni e ai programmi disponibili.

 

Asciugatrici a pompa di calore

Le asciugatrici più vendute attualmente funzionano tramite pompa di calore. Sono costose, ma considerate le migliori in quanto riducono notevolmente il consumo di energia rispetto ai modelli a ventilazione più diffusi qualche anno fa.

La pompa di calore genera aria calda continua tramite uno scambiatore che sfrutta l’escursione termica tra l’aria all’interno e l’aria all’esterno dell’elettrodomestico. Una volta iniziato il processo, la stessa aria viene rimessa in circolo riducendo il dispendio energetico.

Di solito l’asciugatrice a pompa di calore è dotata anche di condensatore. Il condensatore sottrae l’umidità per immettere aria secca e calda nel cestello. L’acqua raccolta rimane in una vaschetta che dovrà essere svuotata periodicamente.

Di conseguenza, l’asciugatrice a condensazione non ha bisogno di scarico dell’acqua, per questo è più facile da posizionare in casa, per esempio quando non c’è spazio in bagno e siamo costretti a sistemarla in un ripostiglio o in un’altra stanza della casa.

 

Asciugatrice a ventilazione

L’asciugatrice a ventilazione, funziona tramite una resistenza elettrica che riscalda l’aria e una ventola che la distribuisce all’interno del cestello. Questo modello attualmente è meno costoso, ma presenta consumi maggiori rispetto all’asciugatrice a pompa di calore.

Normalmente l’asciugatrice a ventilazione ha bisogno dello scarico per eliminare l’acqua in eccesso. Per questo di solito si sistema vicino alla lavatrice e a volte sfruttando lo stesso scarico con un apposito raccordo.

L’asciugatrice a ventilazione ha bisogno anche di un altro scarico che è quello dell’aria calda. L’aria può essere immessa nell’ambiente esterno (come si fa con un condizionatore d’aria). Questo modello è anche chiamato asciugatrice a espulsione.

 

Doppio sistema di espulsione dell’acqua

Oggi, troviamo in commercio asciugatrici con doppio sistema di espulsione dell’acqua. Infatti abbiamo asciugatrici dotate di condensatore e anche di tubo di scarico. Questo permette di scegliere il sistema di espulsione più consono in base alla sistemazione che vogliamo dare all’asciugatrice.

 

Asciugatrice a libera installazione

Le asciugatrici a libera installazione sono le più semplici da sistemare in casa. Come accennato, la posizione dipende dal fatto che l’asciugatrice abbia bisogno dello scarico o meno.

Quando lo spazio è davvero poco o inesistente, una delle soluzioni più usate è quella di incolonnare l’asciugatrice sulla lavatrice, l’unico vincolo è quello di sceglierla della stessa dimensione o un po’ più piccola.

Per farlo abbiamo bisogno di un kit di sovrapposizione, formato da un pannello che contribuisce a stabilizzare l’asciugatrice evitando che scivoli. In più il pannello limita le vibrazioni di entrambi gli elettrodomestici evitando che si spostino durante la centrifuga.

 

Asciugatrice da incasso

Esattamente come altri elettrodomestici, anche l’asciugatrice da incasso è una scelta precisa che risponde a dettami estetici. Se non abbiamo a disposizione un ripostiglio, un locale lavanderia, e il bagno è troppo piccolo, l’asciugatrice può essere posizionata in cucina insieme alla lavatrice e altri elettrodomestici.

In questo caso la scelta di un’asciugatrice da incasso consente di mantenere un ambiente ordinato e elegante. Quindi possiamo semplicemente inserire l’asciugatrice all’interno di un mobile lasciandola a vista, oppure utilizzare un pannello identico a quello dei mobili per chiuderlo. Avremo così un’asciugatrice a scomparsa totale.

 

Asciugatrice con carica dall’alto

La maggior parte delle asciugatrici in commercio è dotata di carica frontale. Tuttavia si trovano modelli con carica dall’alto, molto utili quando abbiamo problemi di spazio. In questo caso possiamo posizionare l’asciugatrice in spazi molto stretti, per esempio in un angolo accostata a un altro mobile o elettrodomestico che perciò copre la parte frontale (purché lasci libero il frontalino con display e comandi).
Questo modello di asciugatrice non è dotato di oblò e quindi si riempie e si svuota tramite un portello sulla parte superiore.

Gli elettrodomestici con carica dall’alto ( asciugatrice e lavatrice) sono molto comodi anche per chi ha difficoltà a inchinarsi e sollevarsi, o piegarsi sulle ginocchia. Inoltre sono considerati più sicuri da alcuni genitori che non vogliono rischiare in alcun modo che i bambini possano aprire l’oblò per gioco o per errore, anche se la macchina è spenta.

 

Dimensioni

Per scegliere la migliore asciugatrice adatta alle nostre esigenze non possiamo prescindere dalle dimensioni. Una volta individuato lo spazio o gli spazi disponibili che possiamo avere in casa, possiamo decidere in modo più preciso quale asciugatrice comprare in base alle dimensioni. In questo modo sarà possibile ricavare uno spazio da incasso, oppure liberare spazio in un ripostiglio, o in definitiva scegliere di incolonnarla alla lavatrice.

Un’asciugatrice standard misura circa 60 cm di larghezza per 60 di profondità mentre l’altezza arriva a 80 cm circa.
Le asciugatrici XL misurano 65 cm di larghezza e possono raggiungere i 70 cm di profondità per via di un cestello più ampio, mentre l’altezza arriva a 85 cm.

Le asciugatrici slim mantengono i 60 cm di larghezza mentre riducono la profondità a 45 cm. L’altezza è variabile da 80 a 85 cm.
Le asciugatrici con carica dall’alto restringono la larghezza a 40-45 cm, con una profondità di circa 60 cm. Di conseguenza sono più alte e raggiungono i 90 cm di altezza.

Oblò

L’oblò dell’asciugatrice può essere chiuso o a vista. L’oblò chiuso non è altro che un pannello, a volte removibile, che impedisce di vedere l’interno. E’ una scelta estetica più che pratica perché il ciclo di asciugatura viene comunque indicato dallo stato di avanzamento e poi tramite segnale acustico al termine. In sostanza, non c’è necessità di guardare all’interno dell’asciugatrice (o della lavatrice), tuttavia l’oblò a vista con il vetro che consente di vedere all’interno è una scelta molto frequente che in qualche modo ci tranquillizza.

Chi acquista l’asciugatrice da sistemare in luoghi molto stretti potrebbe aver bisogno di un oblò reversibile. Significa che lo sportello può essere montato sia con l’apertura a destra, sia con l’apertura a sinistra. Non è un dettaglio da sottovalutare se abbiamo seri problemi di spazio.

Infine, molte asciugatrici a condensazione hanno la vaschetta proprio dietro l’oblò. In questo modo è più semplice vedere l’interno e capire quando la vaschetta è piena e va svuotata. Operazione facilissima da effettuare alla fine di ogni ciclo anche quando non è completamente piena.

 

Capacità di carico

La capacità di carico si esprime in chili e indica il peso massimo di biancheria che l’asciugatrice può contenere. Perciò troviamo asciugatrici con capacità di carico tra i 5 e i 10 kg. Teniamo conto che 5 kg sono abbastanza per una coppia, mentre una famiglia di 4 persone dovrebbe scegliere un’asciugatrice da 7-8 kg. Le famiglie più numerose possono contare su asciugatrici da 10 kg.

Detto questo è molto importante usare l’asciugatrice a pieno carico, anche se i migliori modelli sono sempre dotati della funzione mezzo carico.

Infatti, così come selezioniamo i capi da mettere in lavatrice, così faremo con l’asciugatrice. Perciò, per esempio, non mescoliamo lenzuola con capi di lana, per poter scegliere il programma adatto al tessuto. In questo senso, potremmo aver bisogno dell’asciugatrice solo per alcuni indumenti e così doverla usare a mezzo carico.

Le asciugatrici più sofisticate non sono dotate di funzione mezzo carico, ma riescono ad automatizzare il consumo di energia in base al peso della biancheria grazie ad appositi sensori.

 

Display

Le migliori asciugatrici, quando sono dotate di molte funzioni, hanno anche un display LCD per facilitare le impostazioni e la gestione. Il display mostra i programmi in corso e visualizza le scelte tra i vari menù. Inoltre può visualizzare temperatura, tempo totale e tempo residuo per facilitare il monitoraggio dei cicli di asciugatura.

 

Funzioni dell’asciugatrice

Vediamo una serie di funzioni principali comuni alla maggior parte delle asciugatrici in commercio. Queste si possono trovare in contemporanea ai programmi preimpostati, in modo da favorire la massima libertà di utilizzo.

  • Regolazione della temperatura: grazie alla temperatura possiamo scegliere in autonomia la modalità di asciugatura in base ai tessuti. Anche se esistono programmi appositi, potremmo decidere di asciugare alla massima temperatura un tappeto o una coperta fatti di tessuti resistenti e senza particolari esigenze in modo da ottenere un’asciugatura rapida. Viceversa possiamo impostare temperature più basse per i capi delicati come indicato nella loro etichetta, invece di scegliere il programma automatico.
  • Memoria: al di là dei programmi automatici, quando è presente questa funzione possiamo memorizzare le impostazioni scelte e richiamarle quando vogliamo fare un ciclo identico. Di fatto possiamo creare dei programmi in autonomia in base a temperatura, tempi e modalità.
  • Sensore di peso e umidità: i sensori sono in grado di rilevare le condizioni di carico in modo da regolare in automatico le impostazioni. Uno di questi è il peso della biancheria, e l’altro è il grado di umidità. Infatti, in base alla quantità presente nei capi la macchina regola la temperatura e la durata del ciclo.
  • Avvio ritardato: L’avvio ritardato dell’asciugatrice è molto utile in una serie di casi. Innanzitutto, anche in caso di macchina silenziosa, potremmo decidere di caricarla e avviarla qualche ora dopo se in casa c’è qualcuno che dorme. In altri casi potrebbe interessarci avviarla in fasce orarie particolari se abbiamo una bolletta che funziona a fasce orarie e vogliamo sfruttare quella più economica. L’avvio ritardato si può impostare a 1 – 2 ore, fino a 12 ore a seconda dei modelli. Anche se dobbiamo considerare che mantenere i panni bagnati così a lungo potrebbe causare cattivi odori o favorire un’asciugatura naturale parziale che su certi tessuti causa aloni. Così non è consigliato avviare l’asciugatrice oltre le 2-3 ore, tuttavia la partenza ritardata è sempre una funzione utile su cui poter contare in caso di necessità .
  • Funzione Pausa: La funzione pausa serve a bloccare il ciclo di asciugatura senza interrompere il programma in corso. Appena il comando di pausa viene rilasciato, l’asciugatrice riprende il ciclo da dove era stato interrotto.
  • Segnalatore acustico e autospegnimento: la maggior parte delle asciugatrici segnalano il termine del ciclo con un segnale acustico. In seguito si spengono in automatico dopo qualche minuto per evitare sprechi.

 

Programmi

Vediamo i programmi più importanti che permettono di utilizzare l’asciugatrice ottimizzando tempo e risorse, nonché preservando la qualità dei tessuti.

  • Ciclo standard: Il ciclo standard è pensato per il pieno carico e si riferisce a capi misti o capi di cotone che non hanno necessità di attenzioni particolari. A seconda dei modelli di asciugatrice il ciclo standard dura tra 90 e 110 minuti.
  • Ciclo rapido: Il ciclo rapido dura tra 30 e 45 minuti e consente l’asciugatura più veloce. Come il ciclo standard è dedicato a capi resistenti perchè per ridurre i tempi si incrementano i giri della centrifuga e la temperatura.
  • Jeans: Il programma jeans consente di asciugare questo indumento resistente riducendo al minimo le pieghe.
  • Lana: Il programma specifico per asciugare la lana è molto importante ed è tipico delle asciugatrici di alta gamma. Gli indumenti di lana sono molto delicati e risentono delle alte temperature tanto da infeltrirsi irrimediabilmente se non vengono fornite le cure adeguate.
    La lana richiede un’asciugatura a bassa temperatura e una centrifuga molto delicata.
  • Delicati: Questo programma è dedicato agli altri capi delicati come le tende o le camicie di seta che richiedono basse temperature e centrifughe limitate.
  • Sintetici: Anche i capi sintetici, come i capi sportivi, richiedono un programma specifico di asciugatura per evitare che si deformino.
  • Refresh: Il programma refresh sfrutta l’azione del vapore per rinfrescare i capi. Questo programma si usa con i capi già asciutti, per esempio le giacche o le coperte pulite ma chiuse nell’armadio da tempo. Il vapore ammorbidisce il tessuto e uccide i batteri eliminando i cattivi odori. Questo programma è molto utile anche per eliminare l’odore di fumo.
  • Profumo: Con appositi additivi, è possibile procedere all’asciugatura e alla profumazione dei tessuti allo stesso tempo.
  • Allergy: I programmi dedicati alle allergie, eliminano acari e microrganismi fino al 99.9%. Sono dedicati a chi soffre di allergie alla polvere e a chiunque voglia mantenere capi igienizzati e sicuri. Questo programma è perfetto per gli indumenti e ancora di più per le coperte, i copridivani, le tende e altri tessuti d’arredo che più di tutti risentono dell’accumulo di polvere. Inoltre è molto indicato per chi ha in casa animali.
  • Programma automatico: e migliori asciugatrici sono dotate di programma di asciugatura automatico o autodry che tramite appositi sensori stabilisce le impostazioni adatte in base al peso dei capi e alla percentuale di umidità.

 

Rastrelliera

Alcune asciugatrici sono dotate di una rastrelliera da inserire nel cestello. Indicata per tutti i capi che non necessitano di centrifuga, la rastrelliera è molto utile per maglie e capi molto delicati come la lana o la seta. Piegati e appoggiati nella rastrelliera, i panni si asciugano in modo più naturale senza ruotare all’interno del cestello.

Per lo stesso motivo la rastrelliera è utile anche per le scarpe, i peluche e altri oggetti in tessuto che, anche se resistenti, non vogliamo deformare a causa della centrifuga.

 

Rumorosità

Il rumore prodotto dall’asciugatrice può essere una discriminante al momento dell’acquisto soprattutto se viviamo in condominio o in casa ci sono bimbi piccoli. Le migliori asciugatrici sono abbastanza silenziose e non superano i 65 dB di rumorosità. Alcuni programmi sono ancora più silenziosi e portano il livello di rumore a 40 dB.

Bisogna tenere conto che questi valori riguardano elettrodomestici nuovi di zecca e col tempo potrebbero variare, a causa dell’usura della struttura, soprattutto se acquistiamo un’asciugatrice economica.

 

Filtro

Il filtro è una parte importante dell’asciugatrice in quanto trattiene tutte le fibre degli abiti, nonché i peli e i capelli e qualunque altro residuo non rimosso in sede di lavaggio. Il filtro blocca tutti i residui che rimangono intrappolati in una speciale retina.

Quando il filtro è al massimo delle sue capacità, l’asciugatrice non funziona più in modo ottimale e non riesce a espellere i residui che rimangono negli abiti. Per questo è importantissimo pulire il filtro periodicamente. La periodicità è indicata dai produttori, alcuni indicano una volta ogni 10 cicli, altri 1 volta ogni 5. Ma potrebbe essere necessario pulire dopo un ciclo particolare, per esempio se abbiamo asciugato panni molto pelosi come alcune coperte o peluche.

Accedere al filtro è molto semplice e può essere estratto in pochi secondi. I residui si possono gettare via, ma se il filtro è molto sporco si può lavare sotto l’acqua corrente.

Le migliori asciugatrici sono dotate di filtro autopulente. Questo filtro non necessita troppa attenzione da parte nostra perché viene pulito con particolari sistemi di controlavaggio. Tuttavia vale la pena, una volta ogni tanto, estrarlo per controllare e se serve procedere a una pulizia manuale.

 

Asciugatrice smart

Le asciugatrici di ultima generazione si connettono a internet e si gestiscono tramite App. Grazie alla connettività possiamo monitorare e controllare l’asciugatrice da remoto. Inoltre molte app forniscono consigli e istruzioni sull’uso dell’asciugatrice, sul trattamento dei tessuti e sul consumo energetico. La connessione Wi-Fi ci permette di sfruttare altre applicazioni e di collegare l’asciugatrice a dispositivi di controllo vocale.

 

Consumi e risparmio energetico

Le migliori asciugatrici sono progettate in modo da ridurre al minimo i consumi. Oggi la tecnologia consente agli elettrodomestici di ottimizzare al massimo il consumo di energia elettrica grazie ad alcuni accorgimenti tecnici e alla qualità dei materiali.

Come gli altri elettrodomestici anche l’asciugatrice risponde a precise classi di efficienza energetica, così possiamo trovare in etichetta la classe energetica da A+++ fino alla A, per indicare asciugatrici di ultima generazione.

È più difficile trovare in commercio asciugatrici con classi energetiche B o inferiori, in seguito a precise disposizioni UE.
Oggi vari sistemi di circolazione dell’aria all’interno del cestello consentono di utilizzare al meglio la temperatura, asciugando in meno tempo la stessa quantità di biancheria rispetto a qualche anno fa.

Inoltre, programmi come il mezzo carico oppure i sistemi automatici con sensore, riducono l’assorbimento di energia per adeguarlo alla quantità o alla tipologia dei capi.

In questo senso, al di là della classe energetica, è fondamentale seguire le istruzioni dell’asciugatrice per ottimizzare al meglio i programmi disponibili.

Inoltre, ricordiamo che tra i vantaggi dell’asciugatrice abbiamo anche le funzioni stiro che limitano al massimo l’uso del ferro da stiro e talvolta lo evitano del tutto, riducendo ulteriormente il consumo di energia elettrica.


Ti è stata utile questa selezione? Votala per aiutarci a migliorarla

[Totale voti: 8 Media: 4.5]

Potrebbero interessarti anche: